Nel mondo del Fitness è abitudine comune considerare la donna geneticamente inferiore all’uomo e poco idonea al sollevamento pesi.

Mesi del 2000, aumento tadalafil costi del 3, per cento. Casi in cui la disfunzione sessuale read more here sildenafil viagra vardenafil levitra and tadalafil cialis negli uomini non più di 55 anni.

In realtà le potenzialità di costruzione muscolare di una donna sono praticamente uguali a quelle dell’uomo ma la differenza la fa il punto di partenza, avendo esse meno massa muscolare.

Dal punto di vista ormonale il testosterone nelle donne è notevolmente inferiore rispetto a quello negli uomini ciò nonostante per lo sviluppo muscolare sono fondamentali gli ormoni l’IGF-1 e GH, che “sostituiscono” in parte il testosterone nel suo ruolo anabolico per il muscolo. Le donne producono tre volte in più GH rispetto agli uomini, e questo spiega,(parzialmente) perché pur avendo meno testosterone la loro crescita muscolare non viene limitata.

Come nell’uomo, il testosterone e gli altri intermedi androgeni, viaggiano nel sangue in piccola parte liberi, ma in gran parte legati a una proteina, l’SHBG, che li trasporta in forma inattiva. Essi possono agire solo quando si staccano da questa proteina per poi interagire con i recettori per gli androgeni, che funzionano come una chiave con la sua serratura, oppure possono essere trasformati in estrogeni; l’alimentazione può fare la differenza in quanto una dieta vegetariana a base di soia (per esempio) aumenta la produzione di questa proteina riducendo così il livello di testosterone libero. Lo stesso succede se introduciamo degli estrogeni per bocca: sia la pillola contraccettiva sia le terapie ormonali sostitutive aumentano la sintesi epatica di questa proteina e diminuiscono il testosterone libero in circolo.

Gli estrogeni aumentano nelle donne la riparazione del muscolo e sono importanti anti catabolici; proteggono e mantengono in salute le articolazioni, tendini e ossa regolando la distribuzione del grasso corporeo, favorendone il deposito nelle anche, nel gluteo, nelle cosce e nella fascia addominale.

Questi ormoni, durante la prestazione, stimolano la lipolisi nel tessuto muscolare e adiposo risparmiando il glicogeno muscolare a scapito degli acidi grassi. Ciò permette alle donne di essere più resistenti allo sforzo fisico facendo meno fatica e recuperando più velocemente. Grazie agli estrogeni inoltre esse hanno una pressione arteriosa più bassa degli uomini e riescono a portare più sangue e ossigeno ai muscoli; di conseguenza, in proporzione, l’efficienza dei  muscoli risulta maggiore. Gli estrogeni vanno però controllati regolarmente in quanto elevati livelli favoriscono l’accumulo adiposo, la ritenzione idrica ma soprattutto espongono i soggetti a pericolose malattie quali il cancro alla mammella.

Per questi motivi l’attività sportiva nella donna dovrebbe avere la stessa intensità dell’uomo al fine di ottenere un miglioramento della massa magra e un conseguente benessere fisico. L’universo femminile non dovrebbe essere timoroso nei confronti di un lavoro di rinforzo muscolare in quanto lo sviluppo è sempre proporzionato alla struttura muscolare dell’organismo, non paragonabile a quello degli uomini. Il ruolo del Personal trainer in questo senso sará fondamentale per sensibilizzare il soggetto ad un approccio corretto e costruttivo.

L’allenamento con i sovraccarichi garantisce costantemente risvolti positivi in termini di salute e composizione corporea e dovrebbe essere prioritario per le donne come per gli uomini, rendendo la seduta di personal training l’occasione ideale per lavorare concretamente sui proprio obiettivi!

Alberto Mamini – Chinesiofit

Bibliografia e sitografia

Rewiew articolo di Menno Henselmans

Mcardle W. D., Katch F. I., Katch V. L., Fisiologia applicata allo Sport

www.bodybuilding-natural.com